Ripresa l’attività di riscossione

Con il comunicato stampa dello scorso 3 settembre l’Agenzia Entrate Riscossione ha confermato che a seguito della conclusione del periodo di sospensione dell’attività di riscossione previsto dal Decreto Sostegni Bis (dall’8 marzo 2020 al 31 agosto 2021), a partire dal 1° settembre riprendono gradualmente le ordinarie attività di riscossione.

Il comunicato precisa che per quanto concerne il pagamento di cartelle e avvisi già scaduti prima del periodo di sospensione il contribuente dovrà procedere con il tempestivo versamento delle somme dovute, o richiedere ed ottenere un provvedimento di rateizzazione per evitare l’avvio delle procedure di recupero, mentre per gli atti in scadenza nel periodo di sospensione il pagamento dovrà essere effettuato entro il 30 settembre 2021.

Poiché il Decreto Ristori ha stabilito che la decadenza dalla rateizzazione per i piani di dilazione si verifica con il mancato pagamento di 10 rate, anche non consecutive, per evitare la decadenza dal beneficio della dilazione, entro il 30 settembre, dovrà essere saldato un numero di rate sufficiente per mantenere attivo il piano.

Si segnala che fino al 31 dicembre 2021 si potrà beneficiare delle agevolazioni introdotte in materia dal DL Ristori (DL 137/2020):

  • fino alla soglia di debito di euro 100.000 le domande di rateazione possono essere richieste con la presentazione di una semplice domanda, senza dover presentare la documentazione che attesti lo stato di difficoltà economica, ed ottenere l’ammissione automatica alla dilazione ordinaria fino a 6 anni (72 rate);
  • può presentare domanda di dilazione anche chi risulta già decaduto da una precedente rateizzazione prima della fase emergenziale, senza il vincolo del versamento delle rate scadute; tale beneficio si applica anche a chi è decaduto dalle definizioni agevolate (cosiddette rottamazioni e saldo e stralcio);
  • come già sopra anticipato, il periodo di decadenza delle rateizzazioni è esteso a 10 rate, anziché le 5 ordinariamente previste.

Vi invitiamo pertanto a monitorare le rateizzazioni in essere e gli eventuali debiti scaduti al fine di poter tempestivamente provvedere alla richiesta di eventuali nuovi piani di rateizzazione.

Lo Studio rimane a disposizione e si prega di contattare il Professionista di riferimento per eventuali chiarimenti ed approfondimenti.

Condividi:

Altri articoli

Dal 2022 interesse legale all’1,25%

Il Ministero dell’Economia e delle Finanze attraverso il D.M. 13 dicembre 2021 ha fissato la misura del saggio di interesse legale per l’anno 2022 all’1,25%.