Proroga al 2023 del superbonus 110% per i lavori di efficientamento energetico o le migliorie delle caratteristiche antisismiche negli edifici

Nella nota di aggiornamento al DEF (Documento di economia e finanza), nel capitolo relativo alla riprogrammazione degli obiettivi di finanza pubblica è indicato che «Con la prossima Legge di Bilancio 2022-2024 (…) sarà previsto il prolungamento di diverse misure di rilievo economico e sociale, fra cui il Fondo di Garanzia per le Pmi e gli incentivi all’efficientamento energetico degli edifici e agli investimenti innovativi».

Si dovrà però attendere la prima bozza del disegno di Legge di Bilancio per poter vedere concretizzato tale impegno e capirne anche le modalità.

Ancora da definire il futuro degli altri bonus edilizi. Come dichiarato dal Ministro delle Infrastrutture e della Mobilità Sostenibili, Enrico Giovannini, nell’ambito del disegno di Bilancio per il 2022, sarà valutata la proroga o la modifica di ecobonus tradizionale al 65%, bonus ristrutturazioni, sismabonus e bonus facciate. Il tempo a disposizione per chi intende sfruttare i diversi bonus edilizi secondo la formulazione attualmente in vigore è il 31 dicembre 2021.

Ancora nessuna anticipazione sul futuro dello sconto in fattura e della cessione del credito, alternative alla fruizione diretta del superbonus e di tutti gli altri bonus edilizi, ad eccezione che del bonus mobili, del bonus verde, del bonus idrico e del credito d’imposta per il sistema di filtraggio dell’acqua.

Al momento quindi cessione del credito e sconto in fattura sono applicabili:

– per il superbonus, per le spese sostenute nel 2020, 2021 ed anche nel 2022 (D.L. 34/2020, art. 121, commi 1 e 7-bis);

– per gli altri bonus, per le spese sostenute nel 2020 e nel 2021 (D.L. 34/2020, art. 121, comma 1).

In attesa della proroga suddetta, ricordiamo le scadenze per il Superbonus 110%:

Superbonus
Soggetti Scadenza
Condomini per i lavori sulle parti comuni condominiali 31 dicembre 2022
Persone fisiche proprietarie uniche o in comproprietà di edifici composti da 2 a 4 unità immobiliari distintamente accatastate 31 dicembre 2022 se entro il 30 giugno 2022 vengono effettuati lavori per almeno il 60% dell’intervento complessivo
IACP ed enti assimiliati – Super ecobonus 110%: 30 giugno 2023

– superbonus 110%: 31 dicembre 2023 se entro il 30 giugno 2023 vengono effettuati lavori per almeno il 60% dell’intervento complessivo

Per tutti gli altri soggetti: persone fisiche per interventi su edifici unifamiliari, da cooperative di abitazione a proprietà indivisa, da Onlus, organizzazioni di volontariato, associazioni di promozione sociale nonché da associazioni e società sportive dilettantistiche limitatamente ai lavori destinati ai soli immobili o parti di immobili adibiti a spogliatoi 30 giugno 2022

 

Ricordiamo, inoltre, anche le scadenze dei bonus edilizi diversi dal Superbonus 110:

Bonus edilizi diversi dal superbonus
Bonus Scadenza
Detrazione IRPEF al 50% per il recupero del patrimonio edilizio, con limite di spesa a 96.000 euro 31 dicembre 2021

Dal 2022, salvo proroghe, il bonus tornerà alla misura ordinaria del 36% e con il limite di spesa di 48.000 euro per unità immobiliare

Sismabonus “ordinario” (anche acquisti) al 50-70-75-80-85% 31 dicembre 2021
Ecobonus “ordinario” al 50-65-70-75% 31 dicembre 2021
Bonus unico 80-85% per gli interventi su parti comuni di edifici condominiali ricadenti nelle zone sismiche 1, 2 e 3, finalizzati congiuntamente alla riduzione del rischio sismico e alla riqualificazione energetica 31 dicembre 2021
Bonus facciate 31 dicembre 2021

Salvo proroghe i lavori dovranno essere saldati entro il 31/12/2021, ciò che verrà pagato successivamente non rientrerà nel bonus facciate.

Bonus mobili 31 dicembre 2021
Bonus verde 31 dicembre 2021
Detrazione (IREF e IRES) del 50% per l’acquisto e l’installazione di infrastrutture di ricarica di veicoli elettrici 31 dicembre 2021
Bonus idrico 31 dicembre 2021

Manca ancora il decreto attuativo

Credito d’imposta per il sistema di filtraggio dell’acqua 31 dicembre 2022

 

 

Condividi:

Altri articoli

Dal 2022 interesse legale all’1,25%

Il Ministero dell’Economia e delle Finanze attraverso il D.M. 13 dicembre 2021 ha fissato la misura del saggio di interesse legale per l’anno 2022 all’1,25%.