Dl Rilancio – Bonus Vacanze Al Via Dal 1° Luglio

L’Agenzia delle Entrate fornisce le istruzioni per richiedere e utilizzare il Bonus vacanze, previsto dal Decreto Rilancio (Dl n. 34/2020). L’agevolazione è rivolta ai nuclei familiari con indicatore ISEE in corso di validità non superiore a 40.000 euro e consiste in un bonus di 500 euro spendibile, a date condizioni, dal 1° luglio al 31 dicembre 2020 presso imprese turistico-ricettive, agriturismi e bed&breakfast aderenti all’iniziativa.
Il singolo importo verrà definito in base alla numerosità del nucleo familiare, con massimali di 150 euro per nuclei di 1 persona, di 300 euro per nuclei di 2 persone e di 500 euro per nuclei di 3 o più. Il bonus potrà essere richiesto ed erogato esclusivamente in maniera telematica tramite l’applicazione per smartphone “IO” ( www.io.italia.it ), a cui si accede tramite SPID (Sistema Pubblico di Identità Digitale) o CIE 3.0 (Carta d’Identità Elettronica) e previa trasmissione dell’attestazione ISEE ottenuta in seguito alla presentazione della Dichiarazione Sostitutiva Unica (DSU) presso l’INPS.

Il bonus viene erogato in due forme:

  • l’80% dell’importo totale del bonus potrà essere fruito sotto forma di sconto diretto su corrispettivo del servizio turistico. In questo caso dovrà essere utilizzato da un solo componente per nucleo familiare, anche diverso dal richiedente, in un’unica soluzione, per servizi resi da una sola struttura aderente;
  • il rimanente 20% verrà erogato sotto forma di detrazione d’imposta nella dichiarazione dei redditi 2021 (periodo d’imposta 2020) presentata dallo stesso componente del gruppo familiare a cui viene intestata la fattura, il documento commerciale o lo scontrino/ricevuta fiscale emesso dal fornitore del servizio turistico.

Al momento del pagamento dell’importo dovuto, da effettuare esclusivamente presso la struttura turistica, il componente del nucleo familiare che intende fruire del bonus deve comunicare al fornitore il codice univoco generato dall’app IO o esibire il relativo QR-code. Per riscuotere il bonus la struttura ricettiva dovrà verificare la validità del bonus inserendo nell’area riservata del sito web dell’Agenzia delle entrate il codice fiscale del fruitore, l’importo totale del corrispettivo dovuto e il suddetto codice univoco/QR-code.
Il fornitore recupera lo sconto effettuato sotto forma di credito d’imposta  che potrà essere utilizzato in compensazione nel modello F24 a partire dal giorno successivo all’applicazione dello sconto e mediante l’utilizzo del codice tributo 6915.
L’esercente potrà inoltre cedere, parzialmente o in toto, il credito d’imposta a terzi. L’eventuale cessione dovrà essere comunicata all’Agenzia delle Entrate mediante l’apposita procedura online.

Per tutti gli approfondimenti si allega inoltre la guida pubblicata dall’Agenzia delle Entrate sul tema.

Guida_Bonus_Vacanze_v1

Condividi:

Altri articoli

False email a nome dell’Agenzia

l’Agenzia delle Entrate segnala nuovi tentativi di truffa, mediante false email in circolazione che mirano a sottrarre dati personali. L’Agenzia invita gli utenti a cestinare immediatamente messaggi di